Broncoscopia

E’ un esame che permette di raggiungere, con un ottimo margine di sicurezza e con un elevato grado di tollerabilità, non solo l’intero sistema bronchiale, ma anche ogni settore del parenchima polmonare e quindi di indagare patologie nell’ambito delle vie respiratorie centrali e periferiche.

Nel rispetto della massima sicurezza per il paziente e per garantire la massima accuratezza nella esecuzione delle indagini endoscopiche, esistono dei criteri di pertinenza diagnostico/interventistica a cui i Servizi di Endoscopia Toracica devono rigorosamente attenersi. Tali criteri sono stati stabiliti in un Consensus Conference che si è tenuto a Bologna nel 1997, ma che ancora oggi costituiscono il documento guida ufficiale dell’Associazione Italiana Medici Ospedalieri (AIPO), I criteri di pertinenza applicati nel Servizio di Endoscopia della Divisione di Pneumologia sono in conformità alle norme previste per i Servizi di 1° livello, ovvero per servizi che sono collocati in Ospedali Generali con degenza diurna e notturna, ma privi di posti letto di rianimazione, sede di DEA.

Indicazioni all’indagine endoscopica bronchiale
Come indicato nella tabella 1: “Interpretazione dei sintomi clinici”, emerge chiaramente l’ampia applicazione diagnostica a cui si presta questa metodica.

Tabella 1: interpretazione dei sintomi clinici
Tosse persistente inspiegabile
Dispnea / stridore
“Asma” senza precedenti anamnestici; ad insorgenza acuta; ad inizio in età adulta; unilaterale
Presenza di sangue nello sputo
Disfonia
Sintomi extrapolmonari con frequente interessamento polmonare o bronchiale (es. malattie a carico della tiroide, esofago, timo, linfomi mediastinici, alterazioni cutanee, malattie renali)
Ingrossamento dei linfonodi sopraclaveari
Sindrome della vena cava superiore

Esecuzione dell’indagine endoscopica:
L’esame comporta l’introduzione di un piccolo strumento flessibile (fibro o videoscopio) di diametro variabile attraverso una narice anestetizzata. Lo strumento scenderà nel retrofaringe e successivamente verrà spinto dolcemente nelle vie aeree. Il broncoscopio non determina una ostruzione completa delle vie aeree e pertanto non compromette la respirazione. Le manovre all’interno del sistema bronchiale inoltre non determinano alcun dolore e sono generalmente ben tollerate.

La durata dell’esame è in media di 10-15 minuti ma la durata complessiva comprendente le fasi preparatorie e finali è di circa 1 ora.