Polisonnografia

Si tratta di un esame che viene effettuato in caso di patologie respiratorie associate a disturbi del sonno. Si effettua utilizzando il polisonnigrafo, un apparecchio che, mediante dei sensori posti sul paziente, monitorizza, durante il riposo notturno, molti parametri come per esempio la frequenza cardiaca, la saturazione di ossigeno, i movimenti del torace e addome, il flusso oro-nasale e i movimenti del corpo.

L’elaborazione di questi parametri permette di individuare la presenza di apnee (interruzione del flusso per almeno 10′ associato ad una desaturazione emoglobinica) e le ipopnee (riduzione percentuale del flusso oro-nasale per almeno 10′ associato a desaturazione emoglobinica) durante il sonno .

La polisonnografia è quindi utile per studiare la roncopatia cronica e la sindrome delle apnee ostruttive del sonno (OSAS).

L’esame viene eseguito in regime ambulatoriale in quanto il paziente, a domicilio, avrà un periodo di sonno più fisiologico. Verrà riservato il ricovero ai casi dubbi che necessitano di un esame poligrafico completo o ai casi positivi per la titolazione del ventilatore (CPAP).