Percorso diagnostico

Come già accennato nella home page del sito, le prove di funzionalità respiratoria vanno ben oltre la semplice spirometria avendo la possibilità di analizzare progressivamente tutti i vari aspetti della funzione respiratoria: dalla quantità di aria che il paziente mobilizza con la spirometria,

ai volumi di aria che rimangono all’interno del polmone ed alle resistenze/conduttanze delle vie aeree con il pletismografo,

alla diffusione dei gas a livello della parte più profonda del polmone con la DLCO con metodica del singolo respiro,

alle caratteristiche meccaniche elastiche del polmone con la tecnica oscillometrica (IOS),

alla risposta al broncodilatatore e non ultimo alla funzionalità dei muscoli respiratori che partecipano alla respirazione.

Si può ben comprendere che lo scenario è abbastanza articolato e solo un esecutore esperto potrà indicare la giusta sequenza di esami per rispondere al quesito diagnostico. E’ però prassi comune, nei servizi di fisiopatologia respiratoria, far eseguire le prove a tecnici formati oppure ad infermieri, relegando il medico specialista alla sola refertazione.


Punto di forza del nostro ambulatorio di fisiopatologia respiratoria, oltre alla disponibilità delle migliori apparecchiature presenti sul mercato, è che l’esecuzione delle prove viene eseguita direttamente dallo specialista pneumologo, esperto in prove di funzionalità respiratoria.


In questo caso, la presenza del medico, valuterà per quel quesito diagnostico, visionando la documentazione del paziente e chiedendo informazioni al paziente stesso, la giusta sequenza di prove respiratorie da eseguire oppure potrà porre l’indicazione ad altri accertamenti.